Per qualsiasi informazione contattaci inserendo la tua richiesta nel form sottostante.








Manutenzione

Asteco Srl / Manutenzione

Quanto la manutenzione del fotovoltaico incide sulla redditività dell’investimento?

I costi per la manutenzione di un impianto fotovoltaico sono minimi, non essendoci parti meccaniche in movimento.
Mantenere in ‘buona salute’ un impianto vorrà dire prima di tutto (ma non solo) tenere pulite le superfici dei moduli per garantire l’ottimale captazione dei raggi del sole.
Aspetti come la pulizia, il controllo o l’ assistenza per gli impianti fotovoltaici, hanno grande importanza per garantire la massima redditività degli impianti ed il miglior rendimento economico.
Anche se sono in genere gli eventi atmosferici (pioggia e vento) a tenere puliti i moduli fotovoltaici, gli operatori o gli utenti possono seguire alcune semplici regole di base per preservare la resa dei pannelli.
Polline, escrementi di volatili, terra e foglie possono infatti “costare caro” ostacolando le prestazioni dell’impianto.
Anche con le detrazioni fiscali al posto degli incentivi il fotovoltaico domestico rimane un’operazione conveniente, perlomeno sul medio-lungo periodo.
Quali sono i vantaggi?
Tanti, uno di questi è che il fotovoltaico, a differenza di altri sistemi, non richiede una costosa manutenzione ed ha costi di gestione molto bassi in quanto il principio di conversione sul quale si basa, ovvero la trasformazione della luce solare in energia elettrica, sostanzialmente non sottopone gli impianti ad usura: a differenza, per esempio, dell’eolico, delle centrali a biomasse o del classico termoelettrico nel fotovoltaico non esistono alternatori nè parti meccaniche in movimento.
Nonostante un impianto fotovoltaico sia un sistema relativamente semplice ed essenziale, è comunque auspicabile una buona ed attenta manutenzione per garantire un efficiente funzionamento.
La pulizia regolare è molto importante, forse l’aspetto principale della manutenzione, dato che la resa dei moduli fotovoltaici dipende strettamente dalla quantità di luce assorbita e “metabolizzata” nel processo fotovoltaico: più il pannello sarà pulito più sarà ricettivo e ‘prestante’.

La manutenzione del fotovoltaico passa prima di tutto dalla pulizia dei moduli
Nelle grandi città l’inquinamento è tra gli ostacoli maggiori al rendimento delle installazioni fotovoltaiche: le polveri presenti nell’aria, in assenza di piogge, possono depositarsi sui pannelli ostacolandone il rendimento. Se i depositi di pollini e polveri vengono eliminati dalle piogge e dalle nevicate, nel caso di fogliame ed escrementi di volatili è necessario provvedere alla rimozione manuale. Le installazioni situate in aree agricole e in zone di campagna sono particolarmente esposte a queste problematiche. Gli accumuli interessano inizialmente il modulo di fondo o la struttura di appoggio dei pannelli: qui si possono formare muschi e licheni che a loro volta trattengono la polvere atmosferica usandola come mezzo di coltura.
Per la pulizia dei pannelli, Asteco S.r.l è dotata di tutta l’attrezzatura necessaria per effettuare una manutenzione a regola d’arte.

Anche la buona ventilazione è fondamentale visto che l’efficienza dei moduli dipende anche dalla temperatura di funzionamento: una buon aereazione contribuirà ad una migliore efficienza dei pannelli; il surriscaldamento dei moduli, invece, porta ad una sensibile diminuzione dell’efficienza.
E’ fondamentale anche e soprattutto la libera ricezione dell’irraggiamento solare, controllando per esempio periodicamente gli eventuali ombreggiamenti nel corso della giornata nei vari periodi dell’anno.
Fare la manutenzione dell’impianto fotovoltaico con cadenza annuale contribuisce a prevenire onerosi blocchi o guasti; le operazioni da eseguire per mano di un professionista sono poche ma sufficienti per garantire la piena funzionalità e il massimo rendimento possibile del sistema.
Controllare l’installazione prima dell’inizio del periodo di massima produzione è una pratica assolutamente consigliata perchè i mesi freddi possono causare sofferenze alla sottostruttura di supporto e ai moduli sovrastanti per via del peso delle nevicate e per le forti variazioni termiche.
L’irraggiamento complessivo dipende dalla presenza di nuvole, dalla durata del giorno e dall’altitudine rispetto al livello del mare. L’altezza del sole, che dipende dalle stagioni e dalla posizione geografica, determina l’intensità della luce che a sua volta si traduce nella resa del sistema fotovoltaico.
Per verificare i livelli di efficienza dell’impianto, ed il suo corretto funzionamento, è molto utile tenere costantemente sotto controllo i rendimenti ottenuti. Gli strumenti di monitoraggio provvedono a centralizzare la rilevazione e la lettura dei principali dati di un’installazione, ad esempio l’energia prodotta, l’irraggiamento e la temperatura. L’unità preposta al monitoraggio fornisce quindi in maniera continuativa utili informazioni inerenti la produttività del sistema. In assenza di queste tecnologie di controllo è molto utile confrontare i dati delle installazioni con quelli degli impianti presenti nel territorio circostante o con i valori contenuti nei database reperibili su Internet. Questo permette di comprendere come sta funzionando il sistema fotovoltaico e la resa che esso fornisce.